INVITO 1 - 2012

 

Erogazione del contributo, avvio delle attività e rendicontazione

 

A seguito della approvazione e pubblicazione del Progetto Quadro e della programmazione formativa in esso contenuta e descritta, il soggetto che intende realizzare una o più Azioni formative, potrà presentare richiesta di emissione di Voucher formativo per lo sviluppo e l'occupazione.

A tal fine, dovranno essere contestualmente presentati:

 
  • il patto formativosottoscritto unitamente dall'azienda, dal lavoratore e dal soggetto titolare dell'Azione formativa. Dal patto dovrà risultare l'adesione dell'impresa e del lavoratore all'Azione formativa, in termini di condivisione degli obiettivi e dei contenuti formativi e l'impegno a partecipare nei tempi e nei modi convenuti, e comunque entro 12 mesi dalla sottoscrizione del patto, alle attività di formazione. Il patto dovrà altresì contenere una descrizione macro del processo e delle modalità organizzative dell'intervento, nonché la descrizione delle competenze acquisite in esito alla formazione, che saranno validate attraverso apposita dichiarazione, formalizzazione e/o certificazione. Per i voucher di occupazione stabile, nel patto andrà altresì prevista la dichiarazione di impegno della azienda o alla conferma occupazionale del/la destinatario/a del voucher formativo, o allo svolgimento dell'intero percorso formativo programmato. Infine, al patto (redatto sulla base del format predisposto dal Fondo) dovranno essere uniti gli estremi anagrafici del destinatario a cui verrà intestato il certificato sostitutivo del voucher;
  • l'Azione formativa per la realizzazione del Progetto Quadro, da compilarsi sull'apposita modulistica (ivi compresi tutti i format a essa allegati), nella quale andranno riportate tutte le informazioni richieste dal Fondo e dalla quale risultino l'articolazione organizzativa dell'intervento formativo (azione formativa individuale con formazione in affiancamento e/o di gruppo (formazione con modalità miste), nonché gli estremi riguardanti i destinatari del voucher e le imprese coinvolte.
  • il verbale di condivisione di cui alle procedure I e II previste nell'Accordo Interconfederale del 18 aprile 2007 o, in alternativa, copia della documentazione di trasmissione dell'Azione alla Articolazione Regionale (a mezzo raccomandata o modalità equivalente) (il testo dell'Accordo è pubblicato nel sito web del Fondo).
 

Entro 8 giorni di calendariosuccessivi all'acquisizione della documentazione sopra elencata, il Fondo provvederà a effettuare una verifica di coerenza del patto e dell'Azione formativa con il Progetto Quadro pubblicato, a seguito della quale verrà emesso il certificato sostitutivo del voucher intestato al destinatario interessato.

Il certificato sostitutivo del voucher potrà essere "speso" unicamente dal destinatario intestatario ed esclusivamente ai fini della realizzazione del patto formativo sottoscritto.

La data di avvio delle attività previste nelle Azioni verificate e finanziate deve essere debitamente comunicata al Fondo entro gli otto giorni di calendario precedenti,con dichiarazione, redatta ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, dal Legale Rappresentante del soggetto presentatore che attesti inoltre di avere acquisito in originale per ciascuna azienda coinvolta autocertificazioni del Legale Rappresentante(ex D.P.R. n. 445/2000) relativamente a:

 
  • regolarità nei versamenti contributivi all'INPS, per tutte le posizioni che fanno capo alla impresa stessa, ivi inclusa la quota destinata a Fondo Artigianato Formazione, o, in alternativa, regolarità nei versamenti contributivi all'INPS, per tutte le posizioni che fanno capo alla impresa stessa e dichiarazione di non adesione a nessuno dei Fondi Interprofessionali per la Formazione Continua costituiti ed operanti;
  • natura ed entità delle agevolazioni, secondo quanto specificato al paragrafo 10 del presente Invito;
  • recupero aiuti di Stato, ossia:
    1. non aver ricevuto dall'autorità nazionale competente un'ingiunzione di recupero di aiuti di Stato precedentemente ottenuti dichiarati illegali e incompatibili dalla Commissione Europea;
    2. oppure avere rimborsato o depositato in un conto bloccato detti aiuti in ottemperanza a un'ingiunzione di recupero ricevuta dall'autorità nazionale competente.
 

Le Azioni di formazione per la realizzazione del Progetto Quadro devono essere realizzati entro il periodo temporale previsto nel patto formativo.

Il periodo per la realizzazione delle iniziative formative proposte e approvate è nella piena disponibilità dei soggetti titolari dell'Azione formativa, i quali, pertanto, possono gestire, in termini coerenti con l'articolazione della stessa, le condizioni dei soggetti beneficiari e le caratteristiche dei destinatari, le fasi di avvio, sviluppo e conclusione delle attività formative, fermi restando i diversi adempimenti all'uopo previsti dal presente Invito.

In relazione a quanto sopra, decorso il suddetto termine, il contributo verrà revocato, salve le proroghe che, su istanza motivata e documentata dei Titolari dell'Azione, il Fondo si riserva di esaminare e concedere con sua insindacabile discrezionalità e, comunque, esclusivamente per le Azioni che abbiano svolto almeno il 50% delle attività previste.

Con la comunicazione di avvio può altresì essere anticipato al Fondo l'invio del certificato sostitutivo del voucher con la richiesta di un anticipo del contributo pari al 50% del valore del voucher: laddove l'ente o l'agenzia siano titolari di più di due Azioni formative, le richieste di anticipo devono essere garantite da apposita fideiussione.

Entro 30 giorni dalla ricezione da parte del Fondo della suddetta documentazione, il Fondo eroga la quota di acconto richiesta.

Entro 30 giorni dalla conclusione delle attività deve essere trasmessa, secondo lo schema che sarà reperibile con il resto della modulistica sul sito (Indicazioni operative per la gestione), dichiarazione redatta ai sensi del D.P.R. n. 445/2000 dal Legale Rappresentante del soggetto presentatore, attestante l'avvenuta prestazione del servizio formativo e dell'eventuale attività formativa dei tutor, cui dovrà essere allegato il certificato sostitutivo del voucher consegnato all'avvio delle attività dal lavoratore nel caso in cui non sia stata fatta richiesta di anticipo, oltre a:

 
  • i report/materiali/strumenti, predisposti dal soggetto attuatore, che hanno caratterizzato le attività relative a:
    1. analisi fabbisogni;
    2. monitoraggio in itinere;
    3. verifiche apprendimenti;
  • la valutazione ex post.
 

Analoga autocertificazione dovrà essere contestualmente prodotta dal lavoratore titolare del certificato sostitutivo del voucher per comprovare l'avvenuto utilizzo del servizio formativo.

Il Fondo può richiedere eventuali chiarimenti ed integrazioni, informative e documentali.

I soggetti presentatori devono fornire tali integrazioni secondo le modalità utilizzate per la trasmissione dell'Azione formativa.

Il Fondo entro 30 giorni dalla data di ricezione delle autocertificazioni, ovvero della comunicazione integrativa qualora richiesta, effettuate le verifiche di propria pertinenza (verifiche amministrativo-contabili rispetto alle tipologie di spesa previste per il voucher come da modulistica allegata e alla coerenza tra rendiconto e indicazione di budget), procede all'erogazione del contributo per intero o a saldo in corrispondenza del valore del voucher emesso.

Per le imprese non aderenti a Fondartigianato, beneficiarie dei contributi nei limiti delle risorse di cui al DD 199/cont/V/2010, restano altresì ferme le verifiche di pertinenza del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale di cui alla Circolare n° 36/2003.

Il contributo massimo riconoscibile per ciascuna Azione formativa è fissato in 30.000 euro, per un massimo di 2 voucher (ovvero 3 per le aziende con più di 15 dipendenti), detti limiti sono aumentati sino a 5 nel caso sia prevista la partecipazione di destinatari per i quali non corre l'obbligo del versamento dello 0,30 (ovvero 6 per le aziende con più di 15 dipendenti), per singolo patto formativo aziendale: per la predisposizione e articolazione della Azione si dovrà fare riferimento alla specifica modulistica ed ai range di valorizzazione del voucher indicati nella apposita sezione del presente Invito.

Fermo restando che l'azienda beneficiaria non aderente a nessuno dei Fondi Interprofessionali per la Formazione Continua non è in alcun modo tenuta ad aderire a Fondartigianato, nel caso in cui venisse accertata l'adesione ad altro Fondo durante lo svolgimento dell'Azione formativa, il relativo contributo verrà revocato.

Condividi

Parti sociali costituenti
  1. Confartigianato
  2. CNA
  3. Casa Artigiani
  4. CLAAI - Conferederazione Libere Associazioni Artigiane Italiane
  5. CGIL - Confederazione Generale Italiana del Lavoro
  6. CISL - Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori
  7. UIL - Unione Italiana del Lavoro