INVITO3 - 2009

 

Invito 1 - 2009 per la realizzazione di attività di formazione continua per lo sviluppo territoriale

 

Il Consiglio di Amministrazione del Fondo Artigianato Formazione, visto il quadro normativo di riferimento:

  • L'art 118 della legge 23 dicembre 2000, n°388, come modificato dall'art 48 della legge 27 dicembre 2002, n° 289, dall'art. 1 comma 151 legge 30 dicembre 2004 n. 311e dall'art. 13, comma 13 della legge 14 maggio 2005, n°80 di conversione del decreto legge 14 marzo 2005, n°35;
  • I Decreti Interministeriali del 23 aprile 2003 e del 20 maggio 2005 adottati di concerto dal Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali e dal Ministro dell'Economia e delle Finanze;
 

Visto in particolare:

  • L'atto costitutivo del Fondo Artigianato Formazione, riconosciuto e autorizzato con Decreto del Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali del 31 ottobre 2001;
  • Lo Statuto e il Regolamento del Fondo;
 

Tenuto conto delle risorse finanziarie destinate alle attività formative come bilancio preventivo 2009:

in data 30 luglio 2009, ha deliberato lo stanziamento di € 9.000.000,00 (novemilioni/00),da ripartire a livello regionale, al fine di procedere all'incremento delle risorse rese disponibili attraverso l'Invito 1° - 2009 - Linea A, deliberato nella seduta del 30 aprile 2009 e pubblicato nella G.U. dell'11 maggio 2009, n°54.

In data 6 ottobre, il Consiglio di Amministrazione del Fondo ha adottato il dispositivo di ripartizione delle risorse e le ulteriori scadenze di presentazione dei Progetti di formazione, di seguito riportato, che costituisce parte integrante delle disposizioni e della modulistica dell'Invito 1° - 2009, già pubblicate nel sito web del Fondo in uno con l'avviso in G.U.

 

Risorse finanziarie

A valere sulla scadenza del 14 dicembre 2009, di cui al punto b.5) dell'Invito, sono definite ulteriori risorse per la copertura finanziaria dei Progetti presentati, per un importo pari a € 2.500.000,00 (duemilionicinquentomila/00).

I termini di presentazione dei Progetti vengono inoltre ampliati, con la previsione di tre ulteriori scadenze, rispettivamente fissate al 10 maggio, all'11ottobre e al 13 dicembre 2010. Le risorse assegnate sono rispettivamente pari a:

  • per il periodoriferito alla scadenza del 10 maggio 2010: € 2.000.000,00
  • per il periodoriferito alla scadenza dell' 11 ottobre 2010: € 2.500.000,00
  • per il periodoriferito alla scadenza dell' 13 dicembre 2010: € 2.000.000,00

I Progetti devono pervenire entro le ore 12,30 delle su indicate scadenzealla sede Nazionale del Fondo in busta chiusa, indirizzata a FondoArtigianato Formazione - Via di Santa Croce in Gerusalemme, 63 - 00185 -  ROMA e recante la seguente intestazione: INVITO 1° - 2009 (Linea A - Sviluppo territoriale).
In caso di inoltro per le vie postali non farà fede il timbro postale.
 
I Progetti devono essere redatti sull'apposita modulistica (Allegato B1) compilata in ogni sua parte e presentati in originale firmato dal Legale Rappresentante del soggetto presentatore.
 
Unitamente all'originale dovrà essere inviata una copia cartacea completa di tutta la documentazione che costituisce il Progetto (compresi gli allegati) ed una copia della sola modulistica su supporto informatico (verranno accettati unicamente Cd-rom che devono essere contrassegnati con il titolo sintetico del Progetto): cinque giorni prima di ciascuna delle suindicate scadenze di presentazione dovrà essere anticipata a mezzo posta elettronica, all'indirizzo invito@fondartigianato.it,la scheda di ricezione del Progetto(Allegato D), debitamente compilata.

Per qualsiasi informazione e/o chiarimento in merito ai contenuti del presente Invito è possibile contattare il Numero 06 70454100.

Il totale complessivo di € 9.000.000,00 (novemilioni/00), risulta così ripartito tra le Regioni:

 
Regioni
Risorse totali (euro)
Valle d'Aosta
14.400,00
Piemonte
535.500,00
Lombardia
1.987.200,00
Veneto
1.440.000,00
Trento
225.000,00
Bolzano
123.300,00
Friuli-Venezia Giulia
274.500,00
Liguria
104.400,00
Emilia-Romagna
2.191.500,00
Toscana
664.200,00
Marche
451.800,00
Umbria
145.800,00
Lazio
71.100,00
Abruzzo
67.500,00
Molise
10.800,00
Campania
58.500,00
Puglia
249.300,00
Basilicata
22.500,00
Calabria
72.000,00
Sicilia
103.500,00
Sardegna
187.200,00
TOTALE
9.000.000,00
 

Nell'ambito dello stanziamento assegnato a ciascuna Regione e fino ad un massimo del 15% delle risorse disponibili sarà possibile destinarle a Progetti che siano rivolti a lavoratori dipendenti da organizzazioni che svolgono attività di rappresentanza (associazioni imprenditoriali e/o sindacali) e/o da soggetti adesse organicamente collegati.

Tutti i Progetti ritenuti ammissibili, finanziati e non finanziati, presentati alle varie scadenze, saranno inseriti sulla base dei punteggi assegnati in apposite graduatorie.
I Progetti ammessi a finanziamento ai sensi del presente Invito sono approvati sino a completo esaurimento delle risorse disponibili sulle singole scadenze, adottando criteri di proporzionalità e comunque nel rispetto delle suddette graduatorie. Ciascuna di esse, pertanto, viene a esaurirsi con l'approvazione dei Progetti finanziabili a capienza delle singole tranche. Eventuali risorse non utilizzate sulle singole scadenze andranno a incrementare le risorse disponibili per le successive.

In presenza di intese per le quali si realizzano le condizioni di cui all'ultimo capoverso del punto a.2), relativo all'individuazione di eventuali altre forme di finanziamento, il CdA si riserva la facoltà di valutare l'armonizzazione delle modalità realizzative dell'intervento, ovvero di deliberare stanziamenti aggiuntivi, al fine di garantirne la piena integrazione con le altre fonti di finanziamento.
 
I Piani formativi regionali predisposti ai sensi e per gli effetti della Azione di Accompagnamento delle Linee A e C dell'Invito 1° - 2009, di cui alla delibera del CdA del 17 giugno 2009, mantengono la loro validità ai fini della candidatura dei Progetti di formazione presentati a valere sulle ulteriori scadenze  previste nell'anno 2010 per la Linea A - Sviluppo territoriale dello stesso Invito.
 
Relativamente ai contributi concessi a valere sulle risorse complessivamente rese disponibili sull'Invito 1° - 2009, a decorrere dalla scadenza del 14 dicembre 2009, saranno applicate le disposizioni sulla natura ed entità delle agevolazioni e sull'effetto di incentivazione di cui ai paragrafi 10 e 10bis dell'Invito 3° -2009.

L'importo di ciascuna delle suddette tranche è ripartito tra le Regioni sulla base della seguente tabella (in migliaia di euro):

 
Regioni
14.12.2009
10.05.2010
11.10.2010
13.12.2010
TOTALE
Valle d'Aosta
4.000,00
3.200,00
4.000,00
3.200,00
14.400,00
Piemonte
148.750,00
119.000,00
148.750,00
119.000,00
535.500,00
Lombardia
552.000,00
441.600,00
552.000,00
441.600,00
1.987.200,00
Veneto
400.000,00
320.000,00
400.000,00
320.000,00
1.440.000,00
Trento
62.500,00
50.000,00
62.500,00
50.000,00
225.000,00
Bolzano
34.250,00
27.400,00
34.250,00
27.400,00
123.300,00
Friuli-Venezia Giulia
76.250,00
61.000,00
76.250,00
61.000,00
274.500,00
Liguria
29.000,00
23.200,00
29.000,00
23.200,00
104.400,00
Emilia-Romagna
608.750,00
487.000,00
608.750,00
487.000,00
2.191.500,00
Toscana
184.500,00
147.600,00
184.500,00
147.600,00
664.200,00
Marche
125.500,00
100.400,00
125.500,00
100.400,00
451.800,00
Umbria
40.500,00
32.400,00
40.500,00
32.400,00
145.800,00
Lazio
19.750,00
15.800,00
19.750,00
15.800,00
71.100,00
Abruzzo
18.750,00
15.000,00
18.750,00
15.000,00
67.500,00
Molise
3.000,00
2.400,00
3.000,00
2.400,00
10.800,00
Campania
16.250,00
13.000,00
16.250,00
13.000,00
58.500,00
Puglia
69.250,00
55.400,00
69.250,00
55.400,00
249.300,00
Basilicata
6.250,00
5.000,00
6.250,00
5.000,00
22.500,00
Calabria
20.000,00
16.000,00
20.000,00
16.000,00
72.000,00
Sicilia
28.750,00
23.000,00
28.750,00
23.000,00
103.500,00
Sardegna
52.000,00
41.600,00
52.000,00
41.600,00
187.200,00
TOTALE
2.500.000,00
2.000.000,00
2.500.000,00
2.000.000,00
9.000.000,00
Condividi

Parti sociali costituenti
  1. Confartigianato
  2. CNA
  3. Casa Artigiani
  4. CLAAI - Conferederazione Libere Associazioni Artigiane Italiane
  5. CGIL - Confederazione Generale Italiana del Lavoro
  6. CISL - Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori
  7. UIL - Unione Italiana del Lavoro