NUOVE INDICAZIONI PER LE ATTIVITA’ FORMATIVE

In data 8 giugno l’A.N.P.A.L. ha indirizzato ai Fondi Interprofessionali la nota Prot. 0005692 comunicando, alla luce delle Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome il 25 maggio 2020, che è consentita la ripresa della formazione in presenza laddove vengano assicurate le stesse misure di sicurezza e distanziamento sociale già in atto nelle attività produttive.

A partire dal 9 giugno 2020 è pertanto consentita la ripresa delle attività formative in presenza in tutto il territorio nazionale, fermo restando:

 
  1. nell’ambito di quanto stabilito al Capitolo 3 (Soggetti Presentatori  - 1° cpv) del     Regolamento     generale  degli Inviti di Fondartigianato (ed. Ottobre 2017), il rispetto delle     delle prescrizioni sanitarie e di sicurezza previste dal  "Protocollo condiviso di     regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus     Covid-19 negli ambienti di lavoro” promosso dal Governo e sottoscritto dalle Parti Sociali il 24 aprile 2020;
  2. il rispetto dei Protocolli eventualmente previsti per specifici settori;
  3. l’adesione alle Linee guida per la riapertura delle Attività Economiche e Produttive     approvate dalla Conferenza delle Regioni e delle Province autonome il 25 maggio 2020.
 

E’ comunque possibile, in linea con quanto previsto con le “deroghe Covid “ al Regolamento generale degli Inviti di Fondartigianato,  proseguire le attività formative a distanza per i Progetti già avviati o da avviare con tale modalità, così come è possibile interrompere la formazione a distanza e riprendere la formazione in presenza.
Sempre a partire dal 9 giugno decoreranno nuovamente, per i Progetti non avviati, tutti i termini prescrittivi di avvio e realizzazione fino ad oggi sospesi.
Inoltre, a partire dal 9 giugno ed entro il 23 giugno i Titolari di Progetto devono trasmettere al Fondo la richiesta di autorizzazione alla proroga per i Progetti per i quali sia necessaria, specificando quanto è stato realizzato fino a questo momento e, conseguentemente, quanto resti ancora da realizzare e la nuova data di termine richiesta.
Infine, per tutti i Progetti, si raccomanda l’attivazione del controllo mobile, quale strumento maggiormente coerente con le misure di prevenzione.

Roma, 9 giugno 2020

Condividi

Parti sociali costituenti
  1. Confartigianato
  2. CNA
  3. Casa Artigiani
  4. CLAAI - Conferederazione Libere Associazioni Artigiane Italiane
  5. CGIL - Confederazione Generale Italiana del Lavoro
  6. CISL - Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori
  7. UIL - Unione Italiana del Lavoro