INVITO3 - 2009

 

Tipologia degli interventi

 

Sono ammessi a finanziamento soltanto i Progetti di formazione  riferiti a specifici Piani Formativi, secondo quanto appresso esplicitato per ciascuna delle linee di finanziamento sopra descritte:

 

Linea D

La linea D è riservata ad interventi di formazione continua destinati alla realizzazione delle priorità macro e specifiche e degli obiettivi che ne discendono, così come peraltro già indicati e descritti nelPiano formativo nazionale sulla sicurezza "Formare per prevenire", di cui si conferma la validità ai fini degli interventi a valere sul presente Invito.

Il Piano nazionale sulla sicurezza di Fondartigianato è volto a promuovere e sostenere, ad integrazione delle attività e dei contenuti formativi obbligatori, approcci, strumenti, metodologie, contenuti formativi e conseguenti azioni finalizzate alla messa in sicurezza di luoghi e contesti organizzativi del lavoro nelle imprese aderenti al Fondo, realizzando altresì il mantenimento  nel tempo dei comportamenti  e delle competenze già acquisite in materia anche attraverso il contributo di Fondartigianato.

 

Priorità regionali

Nel sito web del Fondo potranno altresì essere pubblicate le eventuali priorità regionali che, coerentemente con i contenuti dello stesso Piano e con le priorità e gli obiettivi espressamente indicati nel presente Invito, potranno essere individuate dalle Parti Sociali a livello regionale al fine di orientare l'offerta formativa verso specifiche situazioni e/o esigenze del territorio.

Sono pertanto ammessi a finanziamento soltanto i Progetti di formazione  riferiti al Piano nazionale e rispondenti alle priorità eventualmente individuate e concordate dalle Parti Sociali a livello regionale.

 

Linea G

La linea G è riservata ad interventi di formazione continua destinati alla realizzazione delle priorità macro e specifiche e degli obiettivi che ne discendono, così come peraltro già indicati e descritti nei singoli Piani formativi di settore allegati al presente Invito.

Un Piano formativo di settore è il dispositivo di programmazione, che traduce nello specifico ambito  settoriale le priorità la finalizzazione per obiettivi  dell'intervento formativo da realizzarsi in un arco temporale definito, alla luce di una analisi condivisa della situazione del settore e dei rischi prevedibili nell'arco temporale dato e delle opportunità offerte. Tale dispositivo è soggetto a monitoraggio da parte degli estensori nel suo svolgersi ed è soggetto a valutazione e ad eventuali modificazioni convenute tra i soggetti titolari e comunicate tempestivamente al Fondo.

 

Priorità regionali

Nel sito web del Fondo potranno altresì essere pubblicate le eventuali priorità regionali che, coerentemente con i contenuti dello stesso Piano e con le priorità e gli obiettivi espressamente indicati nel presente Invito, potranno essere individuate dalle Parti Sociali a livello regionale al fine di orientare l'offerta formativa verso specifiche situazioni e/o esigenze del territorio.

Sono pertanto ammessi a finanziamento soltanto i Progetti di formazione  riferiti ai singoli Piani formativi di settore e rispondenti alle priorità eventualmente individuate e concordate dalle parti Sociali a livello regionale.

 

Linea H

La linea H è riservata ad interventi di formazione continua destinati alla realizzazione delle priorità macro e specifiche e degli obiettivi che ne discendono in contesti multiregionali.

Sono pertanto ammessi a finanziamento soltanto i Progetti di formazione  riferiti a specifici Piani formativi multiregionali rispondenti  alle priorità macro e specifiche e con gli  obiettivi della linea H sopra descritti.

 

Linea H

La linea I è riservata alla prosecuzione ed al consolidamento della sperimentazione di uno strumento mirato, quale è quello rappresentato dal voucher formativo a progetto.Tale sperimentazione deve fondarsi sulla concorde volontà delle Parti Sociali: esse, pertanto, a livello regionale, sono chiamate ad esprimere tale volontà attraverso un Accordo quadro che indichi gli ambiti territoriali e/o settoriali in cui è ammessa la sperimentazione, a quali delle priorità essa risponde e per quali obiettivi viene condotta.

Il Fondo provvederà alla immediata pubblicazione nel proprio sito web di tutti gli Accordi quadro regionali pervenuti. Sulla base degli Accordi quadro e delle priorità macro e specifiche della linea, che congiuntamente considerati costituiscono il Piano formativo di riferimento per questa tipologia di interventi, potranno essere conseguentemente predisposte le Proposte formative per la realizzazione della sperimentazione.

Saranno pertanto ammesse a finanziamento soltanto le Proposte formative riferite  al suddetto Piano e che ne traducono in termini di macro-progettazione gli obiettivi, le priorità e le linee di intervento.

 

Linee E, F, L , M, N, O

Le linee E, F, L, M, N, O sono riservate ad interventi di formazione continua destinati, attraverso la realizzazione delle rispettive priorità macro e specifiche e degli obiettivi che ne discendono, a sostenere target mirati di utenza (l'occupazione femminile); a proseguire la sperimentazione di contenuti formativi nel campo dell'alta formazione, ovvero in modelli organizzativi specifici (distretti e filiere, micro imprese); a promuovere e sostenere il processo di integrazione sociale con i lavoratori stranieri; a sperimentare contenuti per specifiche tipologie di innovazioni produttive (le energie rinnovabili).

In tale quadro, a livello regionale, le Parti Sociali costituenti il Fondo dovranno concordemente individuare le priorità di contesto per declinare gli ambiti e gli obiettivi mirati al tessuto locale in coerenza con le priorità macro e specifiche e con gli  obiettivi della linee sopra descritti. Alternativamente alle priorità regionali, le stesse Parti Sociali potranno concordemente definire e predisporre un Piano formativo regionale.

In entrambi i casi, una volta raggiunti e sottoscritti, l'accordo regionale sulle priorità ovvero il Piano formativo regionale, verranno pubblicati nel sito web del Fondo: a tal fine, le intese dovranno essere inviate alla Sede Nazionale del Fondo entro 40 giorni dalle scadenze di cui al successivo b.5).

Sono pertanto ammessi a finanziamento soltanto i Progetti di formazione che faranno riferimento o al Piano formativo regionale pubblicato nel sito web del Fondo o riferiti a specifici Piani Formativi predisposti sulla base delle priorità individuate a livello regionale, anch'esse pubblicate nel sito.

Condividi

Parti sociali costituenti
  1. Confartigianato
  2. CNA
  3. Casa Artigiani
  4. CLAAI - Conferederazione Libere Associazioni Artigiane Italiane
  5. CGIL - Confederazione Generale Italiana del Lavoro
  6. CISL - Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori
  7. UIL - Unione Italiana del Lavoro