INVITO 3 - 2017

 

Chiarimenti

 

CHIARIMENTO ALLA LINEA 1 E LINEA 6 INVITO 3° - 2017

In vista delle prossime scadenze di presentazione di cui all’Invito 3°-2017, si precisa che le date del 12 marzo 2019 e dello sportello 15 marzo-15 aprile 2019, rispettivamente previste per la Linea 1 e la Linea 6, dovranno essere considerate come coincidenti.
Pertanto, le stesse aziende non potranno risultare beneficiarie di interventi formativi presentati su entrambe le Linee ivi compresi i Progetti interaziendali in deroga a quanto previsto dal Regolamento Generale degli Inviti (edizione ottobre 2017).
Qualora tale evenienza si presentasse sarà motivo di inammissibilità per i Progetti aziendali – ovviamente a valere su una delle due Linee interessate - e di difformità e conseguente riduzione del contributo richiesto, nel caso di Progetti interaziendali.
Laddove la coincidenza di soggetti beneficiari non fosse verificabile all’atto della presentazione dei Progetti (poiché specificato solo il 70% delle imprese), in caso di ammissione a finanziamento lo stesso verrà decurtato della quota corrispondente alla/e azienda/e reiterate.

 

Roma 7 marzo 2019

 
 

CHIARIMENTO ALLA LINEA 3 DELL’INVITO 3° - 2017

Con riferimento ai contributi di cui alla Linea 3 dell’Invito 3° - 2017, ai sensi dell’ultimo comma del paragrafo Risorse finanziarie , si comunica che il Consiglio di Amministrazione del Fondo, nella seduta del 10 aprile 2018 ha chiarito che, nell'ambito dello stanziamento disponibile per ciascuna Regione all’apertura di ogni singolo sportello di presentazione e fino ad un massimo del 20%, sarà possibile destinare le risorse a Progetti che siano rivolti a lavoratori dipendenti da organizzazioni aderenti che svolgono attività di rappresentanza (associazioni imprenditoriali e/o sindacali) e/o da soggetti ad esse organicamente collegati.

 

Roma 19 Aprile 2018

 

CHIARIMENTO CRITERIO ECONOMICITA' INVITO 3°-2017

Con riferimento al criterio dell'Economicità previsto nelle griglie di valutazione dei Progetti presentati a valere sulle  Linee 1, 2, 4 e 6 dell'Invito 3° - 2017 si precisa quanto di seguito.

Il valore del contributo da chiedere al Fondo corrisponde in tutto o in parte al costo complessivo del Progetto: si può pertanto chiedere un contributo pari al 100% del suddetto costo complessivo oppure un contributo inferiore.

Nel caso di contributo richiesto in base al REGOLAMENTO GENERALE DI ESENZIONE (CE) N°651/2014, questo sarà obbligatoriamente inferiore di almeno il 30% del costo complessivo del Progetto, in forza per l'appunto della normativa comunitaria (vd. paragrafi 10 e 11 del Regolamento generale degli Inviti di Fondartigianato).

Il punteggio previsto dalla griglia di valutazione attribuisce, quindi, valori minimi e massimi a seconda del valore percentuale del cofinanziamento rispetto al contributo massimo richiedibile: tale valutazione sarà identica sia nel caso in cui il contributo è richiesto in regime de minimis Reg. UE 1407/2013, sia nel caso di superamento dei limiti di cofinanziamento obbligatorio previsti in applicazione del Regolamento di aiuti esenti.

 

Roma 17 Novembre 2017

Condividi

Parti sociali costituenti
  1. Confartigianato
  2. CNA
  3. Casa Artigiani
  4. CLAAI - Conferederazione Libere Associazioni Artigiane Italiane
  5. CGIL - Confederazione Generale Italiana del Lavoro
  6. CISL - Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori
  7. UIL - Unione Italiana del Lavoro